Terapia CAR-T, la SCDU di Ematologia dell’Ospedale Civile Santi Antonio e Biagio e Cesare Arrigo autorizzata alla somministrazione

Condividi con

Un Centro di alto profilo e competenza sul territorio autorizzato alla somministrazione, l’Ospedale Civile Santi Antonio e Biagio e Cesare Arrigo di Alessandria. La partecipazione di specialisti e ricercatori allo sviluppo e alla sperimentazione delle terapie. La sezione AIL di Alessandria-Asti, che supporta il percorso di cura dei pazienti e dei loro familiari e collabora con il Centro per monitorare l’efficacia dei trattamenti e supportare la ricerca. Sono alcuni fattori che collocano Alessandria all’avanguardia sul fronte delle CAR-T, le cure che ingegnerizzano i linfociti T per aiutarli a combattere i tumori e che rappresentano la grande speranza nel trattamento delle malattie oncologiche e oncoematologiche. Quattro quelle già approvate a livello europeo, altrettante in dirittura di arrivo, con tassi di remissione completa fino all’82% per la Leucemia Linfoblastica Acuta, il tumore più frequente in età pediatrica, tra il 40 e oltre il 50% per due Linfomi non-Hodgkin molto aggressivi (Linfoma diffuso a grandi cellule B e Linfoma primitivo del mediastino), una risposta completa nel 67% dei pazienti con Linfoma a cellule mantellari recidivante o refrattario e un importante miglioramento della sopravvivenza (2 anni per il 51% dei pazienti) nel Mieloma. Attualmente queste terapie vengono studiate anche per l’impiego contro altre malattie ematologiche e i tumori solidi. Le CAR-T sono una speranza sempre più concreta per quei malati che non rispondono alle terapie convenzionali, ma sollevano anche interrogativi su aspetti quali sicurezza, organizzazione, costi e modalità di accesso. Quali sono gli effettivi benefici delle CAR-T? Quali forme di tumore possono curare? Quali sono i pazienti che possono beneficiarne? Dove vengono somministrate? Come vengono gestiti gli effetti collaterali? E come renderle sostenibili per il Servizio Sanitario, alla luce dei loro costi?

  • Per queste ed altre domande, visita la nostra pagina dedicata alla Terapia CAR-T al seguente link

La terapia CAR-T ad Alessandria

Dal Dicembre 2020 le CAR-T sono diventate una nuova opzione terapeutica a disposizione dei pazienti che possono beneficiarne presso la SCDU di Ematologia dell’Ospedale Civile Santi Antonio e Biagio e Cesare Arrigo di Alessandria. Il Direttore della SCDU, il Professor Marco Ladetto, l’equipe medica ed infermieristica della SCDU di Ematologia, l’Unità Trapianti, la SC di Medicina Trasfusionale, la SC Farmacia Ospedaliera, con il sostegno di AIL Alessandria-Asti ODV, hanno permesso all’Azienda Ospedaliera di diventare Centro autorizzato alla somministrazione della Terapia CAR-T. Le cellule CAR-T possono essere somministrate in un numero limitato di Centri ad alta specializzazione, con molta esperienza in trapianto di midollo osseo e che dispongano dell’affiancamento di un team multidisciplinare specializzato, composto da neurologi, infettivologi e rianimatori. Questo fa comprendere come il lavoro di un team esperto e competente abbia portato non solo un vanto all’Azienda Ospedaliera, ma possa permettere ai pazienti oncoematologici che non hanno a disposizione altre armi teraputiche, di aprire uno scenario di trattamento impensabile fino a qualche tempo fa.